mercoledì 5 settembre 2007

Nuotare sulla terra asciutta

Gli esseri umani vivono sulla terra asciutta, anche se, in effetti, pur non sapendolo da molto tempo, è come se nuotassero nell'ambiente aereo.

Quanto è importante la funzione di quest'aria?
Oh, davvero, quanto è grande l'aria! Non c' è nulla che non contenga, nulla che non avvolga.
Ciò è veramente supremo!

Nel suo agire, non c'è nulla che essa non sostenga, nulla che non nutra. Sappiamo che è così, ma ne ignoriamo la ragione. Alcuni con la loro forza non sono neppure in grado di legare un pollo, viceversa altri riescono a portare un grande calderone. Anche se sono tutti esseri umani, come possono risultare così diversi nella loro forza?

L'origine della forza è legata al ch'i. Coloro la cui forza è grande hanno un ch'i forte. Un ch'i forte è il risultato dell'accumulazione del ch'i. Accumulare il ch'i è come accumulare acqua. Se il livello dell'acqua raccolta è scarso, ci sarà poco galleggiamento e persino una tazza o un piatto avranno difficoltà a galleggiare. Quando invece il livello di acqua raccolta è grande, anche una nave di dieci tonnellate sembrerà galleggiare senza peso.
Coloro che riescono a portare dei grandi calderoni, possiedono semplicemente una quantità maggiore di ch'i. Se solo riuscissimo a comprendere che il segreto per accumulare il ch'i è simile all'accumulare acqua, allora la nostra forza risulterebbe infinita e sollevare un grande calderone sarebbe un'impresa da niente.

Accumulare il ch'i significa raccoglierlo nel tan-t'ien.
Il tan-t'ien è il "Mare del Ch'i" (ch'i-hai) e si trova a 1,3 pollici sotto l'ombelico. Il paragonarlo al mare ci permette di comprendere la sua capacità, forza di sostentamento, immensità e profondità.
Non esiste nulla che possa reggere il paragone.

"Tredici Capitoli sul T'ai-Chi Ch'üan" - Cheng Man-ch'ing

8 commenti:

Mushin ha detto...

Bel passo. Ti consiglio di leggere anche questi: http://www.anobii.com/people/mushin/tag/13/ e questo: http://www.anobii.com/people/mushin/tag/19/ e poi magari in generale: http://www.anobii.com/people/mushin/tag/16/
:-D

Susanoo ha detto...

Ciao Mushin!!
Aria, sìsì, ci vuole aria!!
La pratica del Tai chi sta tutta nella respirazione, il primo nutrimento, quando ho un poco di tempo (ultimamente vado sempre di fretta, 2 settimane che sono tornato dalle vacanze e sto pieno di lavoro) ti devo spiegare un esercizio che se funziona è piuttosto suggestivo :)

A presto, baci

Susanoo ha detto...

Ciao Mushin,
l'esercizio è questo:
Ci si mette seduti comodi sul bordo di una sedia o sul bordo del letto.
Si mettono le mani una di fronte all'altra come per pregare ma distanti l'una dall'altra circa un paio di centimetri.
Quindi si inizia a respirare profondamente immaginando di respirare anche attraverso il palmo delle mani.
Immaginando che il chi si muova lungo le braccia a ogni ciclo di respirazione ed esca dal palmo delle mani.
Dopo un po' (pochi minuti o molti dipende da quanto si è allenati) si può provare lentamente ad avvicinare le mani e si sentirà come un cuscinetto tra il palmo delle mani le che respinge.

Be' provare per credere :)

Luigi Piero ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Luigi Piero ha detto...

Piacevole sorpresa scoprire questo blog.

Buone vibrazioni, calde sensazioni, piacevoli scenari.

Grazie :-)

Anonimo ha detto...

sono tornataaaaaaaaa Mushinnnnnn!!!
anche tu mi sei mancata tantooooooooo e ti ho pensata tantoooooo!!!

grazie per i tuoi commenti carissima ,un bacione grande!!!

ho letto con interesse il tuo articolo ,da te scopro sempre informazioni nuove!
e poi che dire si parla anche di mare!

ciao a presto baci ...edva...**

edvaristan ha detto...

ops mi era sfuggito di lasciarti il link ,ecco fatto!

ciaoooo...edva...**

Master ha detto...

Molto..molto interessante.
Vedo che ti sei "acclimatata" bene,per usare un termine montano,al nuovo blog.
Un salutone...Pollinofantastico